Come salvare la tua lana dal tempo, dai lavaggi e dall’infeltrimento

mercoledì 13 Marzo 2019

Nella stagione invernale cosa cerchi per sentirti al calduccio? Se sei a casa davanti alla tv ti basta una coperta e magari una calda bevanda, ma se devi uscire allora hai bisogno di farti riscaldare da un bel maglione di lana, morbido e delicato sulla pelle. La lana diventa un tuo grande alleato contro le basse temperature, ma ha bisogno di cure per proteggersi dal tempo, dai lavaggi e dall’infeltrimento. Scopri come fare per non avere problemi.

La lana e i suoi nemici

Il compito della lana è di proteggerti dal freddo. Può farlo attraverso i maglioni, ma anche con sciarpe e cappelli, canotte intime, cardigan e calzettoni.

È uno di quei tessuti di cui non puoi proprio fare a meno nei mesi più freddi dell’anno e vorresti che rimanesse sempre come quando l’hai comprato. Ma purtroppo la lana ha dei nemici davvero pericolosi che rischiano di rendere la sua vita molto breve.

Quali sono? Ecco i più temuti:

  • Tempo. Con il passare del tempo e con l’usura la lana rischia di sgualcirsi e perdere quella naturale morbidezza che adori. Anche durante l’estate non è al sicuro, perché se non è adeguatamente conservata può essere presa d’assalto dalle tarme.
  • Lavaggi. Lavatrice,  a mano o in lavanderia: prima o poi arriva il momento di lavare i tuoi capi in lana e devi scegliere come fare. E se un lavaggio sbagliato fosse la causa della sua fine prematura?
  • Infeltrimento. Purtroppo è un dato di fatto: la lana si infeltrisce. Che significa? Si tratta di un processo che rende la lana dura e compatta, perdendo la delicatezza che la contraddistingue. Spesso dipende proprio da un lavaggio sbagliato.

Ma il destino della tua lana non è segnato: puoi ancora proteggerla e tenerla a lungo con te.

La rinascita dei tuoi capi in lana

Metti da parte dubbi e paure e fai rinascere i tuoi capi in lana.

Per proteggerli dal tempo e dalle tarme, bisogna riporli nell’armadio perfettamente puliti e profumati. Durante il cambio stagione devono sempre essere accuratamente controllati. Per sentirti più tranquilla li puoi anche conservare in sacchetti specifici che impediscono alle fibre delicate della lana di entrare in contatto con umidità, insetti o altro; prima di chiudere il sacchetto, puoi utilizzare un generatore di ozono portatile per sterilizzare perfettamente il capo, e uccidere tarme e parassiti che potrebbero rovinarlo.

Per non avere brutte sorprese dopo il lavaggio devi solo tenere a mente alcuni consigli importanti: no a lavaggi forti, no ad acqua calda, no a detersivi aggressivi, no a lavaggi con altri indumenti di altri tessuti.

Meglio scegliere saponi neutri, acqua fredda e programmi di lavaggi delicatissimi. Il rischio però è che non si puliscano a dovere o che resti il cattivo odore. Puoi sempre lavarli a mano, ma che fatica!

E poi c’è il rischio di infeltrire il tessuto se si lava continuamente o se si sbaglia il programma! Per questi problemi puoi farti aiutare da un ozonizzatore. Si tratta di un generatore di acqua ozonizzata, che da sola è in grado di pulire a fondo la tua lana senza rovinarla o infeltrirla. Non serve nemmeno detersivo quindi non puoi sbagliare!

Anche i cattivi odori spariranno in un attimo e ti ritrovi con capi come nuovi da indossare anche per molto tempo.